martedì, dicembre 10Istituto Giorgio Vasari Magazine

LA FABBRICA DELLE DOLCI TRADIZIONI

LA FABBRICA DELLE DOLCI TRADIZIONI

Durante il nostro viaggio attraverso le regioni colpite dal terremoto del 2016 (Marche, Umbria, Abruzzo e Lazio) abbiamo incontrato per strada gli abitanti di questi luoghi e ad uno di loro, un cittadino di Montemonaco (in provincia di Ascoli Piceno), un giornalista ha fatto delle domande.

GIORNALISTA: Quali dolci, torte o altre prelibatezze ci consigliate di portare a casa?

CITTADINO: Sono i profumi che si sentono mentre si passeggia tra le vie a convincere le persone ad entrare nei negozi per comprare qualche cosa.

GIORNALISTA: In effetti si sente odore di pane appena sfornato.

CITTADINO: Viene dal forno che qui sulle montagne di Montemonaco è diventato “leggenda”.

GIORNALISTA: Ho sentito parlare delle “sise delle monache”. Ma di cosa si tratta esattamente?

CITTADINO: E’ un dolce di pan di spagna e crema tramandato tra le generazioni di pasticceri.

GIORNALISTA: Ma perché viene chiamato così?

CITTADINO: C’è chi dice che ricorda l’abitudine delle suore di clausura di mettersi una fascia sul seno; e c’ è, invece, chi pensa che questo nome indica la forma delle cime dei monti.

GIORNALISTA: Conoscete qualche altra pasticceria famosa nelle vicinanze?

CITTADINO: Certo! C’è la pasticceria dietro l’angolo, che starà sfornando i ravioli dolci con ripieno di ricotta e castagne.

GIORNALISTA: E’ vero! Si sente il profumo!

È proprio quando si passa la soglia della bottega- laboratorio, ecco che i profumi, la fantasia, la passione e la tradizione fanno il miracolo. Le macerie delle case distrutte dal terremoto rimangono alle nostre spalle e si entra in un mondo magico.

VIRGINIA OTTANELLI, 3B SV

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *