martedì, settembre 27Istituto Giorgio Vasari Magazine

Cronaca out

Notizie intorno a noi

Mafia

Mafia

2018, 2018#1, Cronaca e società, Cronaca out, Nostri lavori, Scrittura, Società
IL DIZIONARIO DELLA MAFIA (DOMENICA) 1/CORAGGIO Quando si parla di coraggio nella mafia lo correliamo subito alla storia dei due magistrati italiani Giovanni Falcone e Paolo Borsellino che, sapendo a cosa andavano incontro, hanno combattuto fino alla fine contro la mafia siciliana detta anche “Cosa Nostra”. “Cosa Nostra” li aveva individuati come principali nemici della mafia, questo perché i due istruirono un “maxi-processo” che servì a far condannare alcuni capi e sottocapi dell’organizzazione. 2/ORRORE Nella mafia siciliana la ferocia e l’orrore continuano a crescere in modo proporzionale, estendendo i loro traffici e di conseguenza quindi il loro guadagno. Tra le vicende di ferocia e orrore ricordiamo uomini come Salvatore Riina, noto
Robotica e futuro tra istruzione, ricerca e mondo del lavoro

Robotica e futuro tra istruzione, ricerca e mondo del lavoro

2018, 2018#1, Cronaca e società, Cronaca out, Nostri lavori, Scienza e tecnologia, Scrittura, Società, Tecnologia
Al giorno d’oggi, ormai, la tecnologia è diventata parte integrante della nostra quotidianità. La maggior parte di noi ha a che fare continuamente con smartphone, computer e programmi di vario tipo presenti su tali piattaforme, al punto tale da rendere la cosa più che normale, se non banale. Tuttavia, il fenomeno della costante espansione e del progresso tecnologico nell’ambito della robotica è un argomento che merita particolare attenzione, proprio perché sta occupando sempre più spazio nelle vite di tutti noi, già sin dalla più tenera età. La citazione “l’applicazione della robotica ai fini educativi è una tendenza in continua crescita anche nel nostro paese”(dal documento 1), infatti, mi trova pienamente concorde. Seguendo la scia degli Stati Uniti, che sono stati tra i primi ad
Cyber-bullismo! Cos’è e come prevenirlo

Cyber-bullismo! Cos’è e come prevenirlo

2018, 2018#1, Cronaca e società, Cronaca out, Nostri lavori, Scrittura, Società
Negli ultimi anni l'avvento dei social-network ha sensibilmente aumentato il benessere delle persone, ma allo stesso tempo, ha permesso la crescita di un nuovo fenomeno di bullismo che si svolge in rete, il cyber-bullismo. Le persone che non sanno difendersi spesso ricorrono al suicidio inteso come "liberazione". Stando alla definizione di cyber-bullismo, esso è inteso come quell'atto di denigrazione, diffamazione e violazione dei dati personali volto ad arrecare un danno psicologico a chi lo subisce spesso istigando al suicidio; per combattere questo fenomeno, lo Stato ha promulgato la legge 71 del 29 maggio 2017, il cui obiettivo è quello di contrastare e prevenire ogni atto di violazione e denigrazione informatica e di educare i minori ai pericoli della rete. Per combattere questo c
“Il bullo è una palla”

“Il bullo è una palla”

2018, 2018#1, Cronaca e società, Cronaca out, Nostri lavori, Scrittura, Società
  Il titolo sopra citato era lo slogan di una manifestazione sportiva di nome junior tim cup (una sorta di coppa Italia dei giovani) a cui ho partecipato e mi è rimasto impresso il messaggio che hanno provato a trasmettermi. Impressionante come dietro una semplice partita di calcetto ci fosse una così forte unione contro il bullismo. Un evento unico poiché non ho mai visto campagne di sensibilizzazione contro il bullismo legate allo sport più amato del mondo, ovvero il calcio. Il cyber-bullismo è purtroppo ben diverso… essendo un fenomeno nato negli ultimi decenni con l’esplosione di internet, ed è anche più difficile da controllare. Prendo a favore della tesi dell’incontrollabilità del cyber-bullismo il “gioco” della blue whale. Un gioco nato più o meno l’anno scorso, creato
I cambiamenti climatici: un problema che possiamo risolvere

I cambiamenti climatici: un problema che possiamo risolvere

2018, 2018#1, Cronaca e società, Cronaca out, Nostri lavori, Scienza e tecnologia, Scrittura
Negli ultimi anni si è molto sentito parlare di cambiamenti climatici e di come questi possono essere un grave problema per l’umanità e per il nostro pianeta. Questi cambiamenti, infatti, sono arrivati ad uno stadio avanzato, ma per fortuna si può rimediare: le loro origini si possono ricondurre all’attività umana e, proprio per questo, l’uomo può ancora intervenire per limitarne gli impatti più disastrosi. Il problema principale riguardante il cambiamento climatico in atto è il riscaldamento globale: esso, come si può intuire dal nome, è l’aumento della temperatura media del pianeta, che sta raggiungendo livelli critici. Nel grafico che registra le temperature medie sulla Terra ed il loro andamento negli anni, possiamo vedere come, negli ultimi decenni, esse siano in costante aumento, e
Reagire alla violenza si può

Reagire alla violenza si può

2018#1, Cronaca e società, Cronaca out, Nostri lavori, Scrittura, Società
Reagire alla violenza si può   Il 16 aprile 2013  è iniziato l’incubo per Lucia Annibali:  viene sfregiata dal suo compagno Luca Varani. Da quel giorno la sua vita  è cambiata  radicalmente, è stato un fortissimo trauma per lei, ha dovuto sottoporsi a tantissimi delicati interventi. Ora ha una nuova vita,  è un avvocato che  lavora nell’ambito della violenza, si occupa soprattutto della violenza di genere. Lucia è un esempio per molte donne, il modo in cui ha reagito dovrebbe dare molta forza a tutte le altre donne vittime di violenza. La sua storia è veramente importante, sono stati anche allestiti spettacoli teatrali  ed è stato  prodotto un film  per  rendere nota la sua vicenda.   Perché    la violenza sulle donne  purtroppo è sempre in aumento, nell’ultimo periodo sono stati r
Io ci sono

Io ci sono

2018, 2018#1, Cronaca e società, Cronaca out, Musica e spettacolo, Nostri lavori, Scrittura, Società
Io ci sono Recensione della rappresentazione teatrale e riflessioni sul femminicidio “Le donne non devono più stare zitte” è la frase pronunciata il 25 novembre 2017 dalla presidente della Camera Laura Boldrini, ed è nel mio onesto parere il miglior spunto da cui iniziare. Recentemente è stato inserito nel vocabolario della lingua italiana un termine assai particolare: “femminicidio”. Oramai quasi tutta Italia, come tutto il mondo, ha avuto modo di assistere a casi di “femminicidio”, ossia l’omicidio di una donna in quanto donna, e di violenza di genere, prevalentemente quello femminile. Capita spesso di sentir parlare di donne vittime di sesso forzato, stupro, matrimonio in tenera età ecc. e nella maggior parte dei casi il maschio che ha inflitto tali barbarie alla femmina non è